Home Turismo Otricoli punta su promozione e imprese locali, il sindaco: “Adesione alla piattaforma...

Otricoli punta su promozione e imprese locali, il sindaco: “Adesione alla piattaforma di Ansat e incentivi per chi viene a vivere qui”

382
0

OTRICOLI – Un’occasione di promozione e di crescita. Il territorio di Otricoli, in Umbria, guarda con interesse alla cosiddetta fase della ripartenza per lasciarsi in fretta alle spalle i mesi del lockdown e le conseguenti difficoltà soprattutto per il tessuto economico locale. In questo senso l’amministrazione comunale sta mettendo in campo le energie migliori per rilanciare il territorio e l’economia. In tale direzione si inserisce l’adesione ad Ansat, l’associazione nazionale sviluppo attività e territori, che tra i servizi che offre alle amministrazioni locali c’è la promozione del turismo e dei prodotti locali attraverso un portale turistico nazionale, e una serie di progetti che vanno dalla tutela dell’ambiente allo sviluppo della mobilità elettrica.

“La piattaforma di Ansat che promuove a 360 grandi il territorio c’è sembrata un buon servizio perché abbiamo bisogno di promuove tutto – spiega il sindaco Antonio Liberati – In questo particolare momento storico non esiste più l’ente pubblico e il privato, non esiste la singola impresa, ma esiste il sistema. Per una piccola amministrazione diventa difficile stare vicina a tutti. La proposta di Ansat è un modo per il Comune per aiutare gli imprenditori, valorizzare e rilanciare quello di quello abbiamo da far vedere: la nostra area archeologica, il nostro Tevere, il nostro ambiente e tutte le attività imprenditoriali e ricettive, i prodotti tipici quali vino, pasta, olio”.

Tra l’altro sul fronte della promozione dei prodotti tipici, il Comune ha ottenuto un finanziamento dal Gal per realizzare una struttura di una 40 di metri quadrati per la vendita di tali prodotti all’ingresso dell’area archeologica.

”Saranno proprio i nostri prodotti tipici – dice il sindaco – il souvenir che i visitatori si porteranno a casa dalla visita al nostro territorio”.

Intanto per favorire il ripopolamento e aiutare, di conseguenza l’economia locale, il Comune ha previsto una serie di incentivi per quelle famiglie che vengono ad abitare ad Otricoli.

“Diamo 100 euro al mese a famiglia che viene in affitto a Otricoli. 100 euro per ogni figlio in età scolastica dai 3 ai 14 anni purché vengano a scuola qui – spiega il sindaco Liberati – Il sostegno è in proporzione al numero dei figli in età scolastica. C’è, inoltre, il consiglio di spendere questi soldi alle attività di Otricoli. Diamo inoltre 2000 euro a fondo perduto per chi acquista casa del centro storico. Per usufruire di incentivi occorre un reddito minimo di almeno 10mila euro di reddito Isee questo per evitare che Otricoli diventi una sorta di periferia degradata, con tutto il rispetto per quelle situazioni”.

Se la promozione e il rilancio dell’economia locale sono la priorità, nel medio e lungo termine il sindaco Liberati guarda con interesse anche alla mobilità elettrica grazie al progetto proposto da Ansat.

“In questo momento – precisa il sindaco Liberati – non è la priorità ma riteniamo che potrebbe essere praticabile per superare le barriere architettoniche all’interno dell’area archeologica. Sebbene il progetto debba essere approfondito con gli esperti e ripianificati alcuni percorsi, ci sembra possibile sostenere una percorribilità alternativa e innovativa con il superamento delle barriere architettoniche proprio con i mezzi elettrici”.