Home Turismo Nel cuore di Fiastra batte il turismo. Il vicesindaco: “Da Ansat un...

Nel cuore di Fiastra batte il turismo. Il vicesindaco: “Da Ansat un aiuto per migliorare i progetti”

374
0

FIASTRA – Ha l’effetto di una sorta di incantesimo: vedi Fiastra e ci devi ritornare. Questo territorio incastonato nel Parco dei Monti Sibillini ha la fortuna di avere un lago artificiale e due siti naturalistici: Lame Rosse e Gole del Fiastrone che sono il cuore pulsante della sua offerta turistica. Un territorio che, per altro, ha vissuto anni difficili. Il terremoto prima, il covid poi, non hanno comunque scoraggiato i turisti che tornano a Fiastra dopo i mesi di lockdown.

”Abbiamo sempre puntato sul turismo – dice il vicesindaco Claudio Castelletti – Per incentivare ulteriormente il settore, abbracciato il progetto di Ansat, associazione nazionale sviluppo attività e territori, che ci aiuterà nella promozione del territorio e a migliorare i progetti”.

Il vicesindaco Castelletti ricorda la bellezza di questo territorio. “Fiastra – dice – ha un bellissimo lago artificiale creato negli anni ’50. Di recente abbiamo ottenuto 4 Vele e la spiaggia è stata definita la più bella delle Marche. Intorno al lago sono nate tante strutture di turistiche. Il nostro non è certamente un turismo di massa in quanto il territorio va ad intercettare i gusti di quanti al mare preferiscono la natura’’.

Il lago non è la sola attrattiva. ”I due siti naturalistici delle Lame rosse e delle Gole del Fiastrone – prosegue Claudio Castelletti –  nei week-end registrano 10mila presenze senza esagerare”.

Nell’anno del coronavirus, in cui sembra andare per la maggiore un cosiddetto turismo slow, alla scoperta dei siti naturalistici e dei borghi caratteristici italiani, Fiastra, con la sua offerta turistica all’aria aperta e ai piedi della montagna, sembra avere una marcia in  più.

”Non c’è persona, anche in visita istituzionale come avvenuto nei giorni scorsi con il commissario per la ricostruzione  – rivela il vicesindaco Castelletti – che viene a Fiastra e non promette di ritornare con la famiglia. Questo è un territorio che si promuove da solo”.