Home Notizie G7 dell’Agricoltura, Patuanelli: “Gravi ripercussioni dei mercati dalla guerra in Ucraina”

G7 dell’Agricoltura, Patuanelli: “Gravi ripercussioni dei mercati dalla guerra in Ucraina”

50
0

Grave ripercussione sui mercati mondiali, determinata dal conflitto in Ucraina, sia a livello di reperibilità che di aumento incontrollato dei prezzi.
Questo il tema al centro dell’intervento del ministro delle Politiche Agricole, Stefano Patuanelli, al G7 straordinario sull’Agricoltura, che si è svolto ieri in videoconferenza. In particolare “desta particolare preoccupazione il mancato approvvigionamento di cereali e di semi oleosi, di cui l’Ucraina è uno dei maggiori esportatori, e il rischio di uno stop alle esportazioni di fertilizzanti e carburanti da parte della Russia, in risposta alle sanzioni economiche ricevute”.
Il giorno prima nell’informativa al Consiglio dei ministri, Patuanelli aveva ricordato che “l’Ucraina, nel 2021, ha fornito il 3% delle importazioni di frumento tenero e il 13% di mais mentre la quota dell’Ungheria è, rispettivamente, del 23% e del 32%. La diversificazione dei mercati di approvvigionamento è in gran parte possibile e implica il dover ricorrere, in primo luogo, ad altri Paesi europei, come ad esempio Francia e Germania per quanto riguarda il frumento tenero”. “L’adozione di un Energy Recovery Fund, finanziato dal debito pubblico europeo comune, – ha aggiunto – è la soluzione preferibile per fronteggiare una situazione inedita e straordinaria di vertiginoso aumento dei prezzi”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here