Home Cultura Fibonacci, a Pisa 4 giorni di eventi per i 850 anni dalla...

Fibonacci, a Pisa 4 giorni di eventi per i 850 anni dalla nascita del matematico

109
0

Pisa si prepara a celebrare 850 anni dalla nascita di Leonardo Pisano Fibonacci, considerato uno dei più grandi matematici di tutti i tempi, autore del Liber Abbaci e noto per aver individuato la celebre sequenza numerica che porta il suo nome. Fibonacci nacque nel 1170 a Pisa, città dove una statua lo ricorda nel Camposanto monumentale di piazza del Duomo mentre uno dei lungarni porta il suo nome.
Il Comune insieme all’Università di Pisa e in collaborazione con la Normale e la Scuola Superiore Sant’Anna ha organizzato dal 20 al 23 novembre una quattro giorni dedicata al grande matematico con convegni, incontri, mostre, presentazioni di pubblicazioni. “Era importante – spiega il sindaco, Michele Conti – celebrare la ricorrenza dell’850/o anniversario della nascita di Leonardo Fibonacci: è stato possibile grazie al coinvolgimento attivo dell’Ateneo, della Normale e della Sant’Anna che hanno affrontato la sua figura in modo interdisciplinare per restituirci in modo completo il valore dei suoi studi e la sua attualità in molti campi del sapere”. “Se oggi siamo una delle più importanti e prestigiose università in Italia e nel mondo è anche grazie all’eredità che Fibonacci, con le sue intuizioni uniche, ci ha lasciato – aggiunge il rettore Paolo Mancarella – e i suoi ‘numeri magici’, come li ha definiti Keith Devlin in un suo libro di qualche anno fa, hanno del resto un’applicazione quasi universale che dall’aritmetica ci conduce alla geometria e alla biologia. Ma quella sua sequenza ha ispirato dall’arte fino all’informatica che qui a Pisa ha mosso i suoi primi passi”.
Per ricordare Fibonacci Poste Italiane emetterà anche un francobollo commemorativo, il primo in Italia dedicato alla figura del celebre matematico: “Pisa – conclude Paolo Pesciatini, assessore al commercio e al turismo – grazie a uomini di genio come Leonardo Fibonacci è sempre stata protagonista in ogni processo innovativo, affermandosi nel tempo come città dei saperi”.